SARDEGNA DEI GIUDICATI CHIESA DI SAN PIETRO CONVENTO CASA DI RIPOSO GIARDINI DI SAN PIETRO
 
LE ORIGINI
DEL COMPLESSO
GLI INTERVENTI
ARCHITETTONICI
LE OPERE
D'ARTE
IL GREMIO
DEI MASSAI
GLI INTERVENTI ARCHITETTONICI
Della fondazione originale oggi non rimane traccia, poiché l'edificio fu riedificato nel XIII secolo in stile romanico. Di questo oggi rimane solo il campanile e parte della navata, perché tra il XV e il XVII secolo furono effettuate numerose ristrutturazioni.
Nel 1473-75 sul lato ovest fu eretta la cappella della Madonna delle Grazie e verso la metà del '500 furono edificate altre due cappelle laterali.
Secondo la tradizione la cappella della Madonna delle Grazie fu eretta per il ritrovamento miracoloso del simulacro della Vergine. Ha una volta a crociera e vi si accede da un arco ogivale sorretto da pilastri, culminanti in capitelli scolpiti con figure sacre di stile gotico-catalano. Nel rifacimento del XVII secolo questa cappella fu ampliata con due vani: uno ha
la volta a vela, l'altro a botte.
Le altre due cappelle sono a pianta rettangolare, con copertura rispettivamente a botte e a crociera.
Una quarta cappella si apre nel presbiterio: ha una volta a lunette e ospita un altare ligneo seicentesco con una statua della Vergine fra le più antiche dell'isola.
Sull'ingresso della chiesa vi è lo stemma di Antonio Mereu, che nel 1677 fece una donazione per ultimare il coro e la facciata con portico.