SARDEGNA DEI GIUDICATI CHIESA DI SAN PIETRO CONVENTO CASA DI RIPOSO GIARDINI DI SAN PIETRO
 
LA STORIA
DEL CONVENTO
LE FIGLIE
DELLA CARITA'
LA GESTIONE
PRIVATA
IL PERCORSO
VIRTUALE
LA STORIA DEL CONVENTO
Il Convento fu creato nella seconda metà dell'XI secolo sulla base degli interessi reciproci di Giudici e Papato.
Per molti secoli fu un fiorente centro di riferimento per la società rurale: ne sono testimonianza gli scritti del Condaghe di San Pietro in Silki che riportano notizie caratteristiche della vita sociale dell'epoca.
Nato come Abbazia delle Suore Benedettine, nel 1467 fu ceduto ai frati Minori Francescani dall'arcivescovo Antonio Cano, col consenso delle Autorità cittadine: in questo periodo il Convento fu caratterizzato da numerosi interventi architettonici e tutto il complesso nei secoli subì non poche ristrutturazioni.
Importanti opere furono realizzate anche nel vasto terreno agricolo, che dall'inizio era stato donato come parte integrante del complesso per garantirne l'autosufficienza. Gli ordini monastici avevano buone tecniche agricole e potevano sfruttare al meglio le potenzialità produttive dei loro terreni. Nel Complesso di Silki furono realizzate importanti strutture di irrigazione, forse ricostruite sui resti di precedenti strutture romane.

I Conventi nella Sardegna dei Giudicati furono un elemento importante di coesione sociale ed economica.